Santuario della Madonna di Oropa al Rossiglione

Il Santuario

L’ORATORIO DELLA MADONNA D’OROPA AL ROSSIGLIONE

L’idea di costruire una chiesa in onore della Madonna di Oropa sul colle del Rossiglione venne al parroco D. Comella nel 1902. A tal fine acquistò a Biella una statua di gesso e il 20 settembre dello stesso anno il primo appezzamento di terreno sul colle, a cui ne aggiunse subito dopo alcuni altri, il tutto con le offerte della popolazione. Nel novembre diede vita ad un comitato per reperire i fondi necessari e nel settembre dell’anno seguente celebrò lassù la prima festa in onore della Madonna, anche se mancava ancora la chiesa.
Nel 1909 si dava incarico all’ing. Giovanni Ferroggio di Camburzano di approntare il disegno. Questo era pronto ai primi di marzo del 1910. Si misero all’appalto i lavori e furono affidati all’unico concorrente, il sig. Barberis P. Quirico. Si iniziò la costruzione, che però rimase ferma alle sole strutture murarie, senza i lavori di rifinitura. L’edificio a pianta centrale, con un porticato ad arcate che gira tutt’attorno al muro perimetrale esterno, riecheggia il tempietto rinascimentale dipinto da Raffaello nel quadro dello Sposalizio della Vergine. Ha un solo altare di marmo, su cui è collocata, in una nicchia, la statua della Madonna Nera. Questa chiesa è l’ultima testimonianza, in ordine di tempo, della devozione mariana dei portulesi, che non lesinarono sacrifici per acquistare i terreni, per costruirvi la strada e per edificare la chiesa.